Benvenuti in Romania...

Lo devo ammettere, io della Romania sapevo poco o niente prima di andarci.
Un'amica che veniva da lì me ne aveva parlato diversi anni prima, mi ero soffermata poi a leggere qualche racconto sul web e nelle nostre mani avevamo una guida edizione 2016 infarcita di informazioni di qualche millennio prima.
Oradea era stata una scelta casuale, vicino al confine, le foto trovate su Google promettevano bene, così avevamo deciso di visitarla, come sempre, come per tutto, quasi per caso.
Quando è entrato in vigore l'euro avevo circa 15 anni, Schengen esisteva già da un po', per me passare una frontiera è sempre emozionante ( ad eccezione di quella Svizzera ovviamente), il doganiere ci guarda interrogativo e senza nemmeno chiederci di togliere il casco in un buon Italiano ci dice:
- Come mai venite in Romania?
Il tono è curioso, intanto da un'occhiata veloce ai nostri documenti.
- Per turismo
- Dove andrete?
- Oradea, Sighisoara, Bran, Cluj Napoca...
Mi corregge la pronuncia sorridendo e ci augura buon viaggio.
Siamo in Romania finalmente!
In rotta verso Oradea a pochi kilometri, sotto il sole cocente e con una gran fame iniziamo il nostro tour.
Le paranoie che vari connazionali e amici hanno tentato di metterci addosso
" ma andate solo voi due è pericoloso"
" vi ruberanno la moto"
" siete matti"
ci sembrano quanto mai lontane e si riveleranno essere tutte infondate.
Benvenuti i Romania dice un cartello pubblicitario scritto in una lingua non mia.
E ora... la vignetta....

Un buon brindisi con la Ciuc birra locale fresca e leggera e dal nome quanto mai adatto ;)


Etichette: , , ,